Trump ripristina la pena di morte: ok dalla Corte Suprema. Già a luglio esecuzione di 3 assassini di bambini

da | Giu 30, 2020 | Dal Mondo | 0 commenti

Di Eugenio Palazzini – Roma, 29 giu – Torna la pena di morte a livello federale negli Stati Uniti. E’ quanto deciso dalla Corte Suprema che ha dato il via libera all’amministrazione di Donald Trump per ripristinarla. Si parla di esecuzioni che, sulla base della procedure già annunciate dal Dipartimento di giustizia lo scorso anno, potrebbero adesso riprendere dal prossimo mese dopo quasi 18 anni. Non si verificano infatti dal 2002, anno in cui furono di fatto bloccate durante l’amministrazione del repubblicano Bush. I giudici americani non hanno tecnicamente acconsentito alla richieste di ripristino, ma non intervenendo sul ricorso presentato da quattro detenuti condannati a morte, hanno di fatto dato luce verde.

Esecuzioni federali

Di primo acchito, leggendo questa notizia, qualcuno si chiederà: ma non c’era già la pena di morte negli Stati Uniti? Certo, ma non ovunque e in alcuni casi è stata recentemente abolita. Ad esempio il Colorado ha deciso di eliminarla lo scorso marzo, divenendo il 22° Stato Usa ad abrogare la massima punizione. In questo caso si parla di sentenze capitali federali. In pratica si parla di esecuzioni decise direttamente dal governo degli Stati Uniti nel caso di un grave reato federale. L’imputato così non è più sottoposto alla legge dello Stato dell’Unione, ma direttamente a quella federale del governo.

I detenuti nel braccio della morte

Già nel 2019 l’amministrazione Trump aveva annunciato il ripristino di queste esecuzioni federali tramite iniezioni letali di pentobarbital, ovvero un barbiturico ad azione rapida. Ma il dipartimento di Giustizia, che aveva già programmato le prime esecuzioni, fu bloccato dai ricorsi presentati dai legali di quattro condannati che si trovavano nel braccio della morte. Allora il giudice della Corte federale, Tanya Chutkan, sostenne che le esecuzioni avrebbero violato il Federal Death Penalty Act del 1994. L’atto obbliga il governo federale a seguire i protocolli in uso negli Stati dove i detenuti hanno subito la condanna. Adesso però la Corte suprema ha ribaltato tutto e le prime tre esecuzioni dovrebbero essere eseguite fra il 13 il 17 luglio. Una quarta esecuzioni dovrebbe avvenire ad agosto. Tutti e quattro i casi sono relativi a persone condannate per aver ucciso dei bambini. In totale nelle carceri statunitensi federali vi sono 62 detenuti condannati a morte. Tra questi Dzhokhar Tsarnaev, arrestato nel 2013 per l’attentato alla Maratona di Boston.

Eugenio Palazzini

Leggi la notizia su Il Primato Nazionale

“Omofobo e razzista”. Matteo Salvini insultato dal figlio di Selvaggia Lucarelli

Il figlio 15enne di Selvaggia Lucarelli ha contestato Matteo Salvini davanti al gazebo allestito dalla Lega a Milano. Il ragazzo è stato identificato dalle forze dell’ordine dopo il botta e risposta con il segretario del Carroccio. Quest’ultimo era intanto a scattare le foto con i suoi sostenitori quando il figlio della Lucarelli si è avvicinato e lo ha provocato così: “Volevo ringraziarla per il suo governo omofobo e razzista”. “Sì dai, anche un po’ fascista”, è stata la replica di Salvini che non è bastata al ragazzo. “Lei vuole il male delle persone che arrivano da altre nazioni”, ha aggiunto per concludere la sua personale contestazione. 

Fonte video: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Ultimo orrore, immigrato mangia un gatto in strada video

Immigrato cucina in strada un gatto, tutto ripreso da un passante, che hanno subito avvertito le forze dell’ordine.

Video

Fonte video https://www.facebook.com/sergiodirado/videos/10220520159946234/

Gianluigi Paragone contro il M5s: “Addio al Senato? Ormai sono una fake politica”

Aspargere sale sulle ferite del M5s ci pensa un ex, il senatore Gianluigi Paragone. Interpellato sulle recenti fuoriuscite dal partito con le cinque stelle, di cui una al Senato che pone il governo e la maggioranza sempre più a rischio, spiega senza giri di parole, con toni duri, che ciò che sta accadendo è figlio “di una confusione che io ho definito fake. Nel momento in cui tu come Movimento hai rinnegato le tue battaglie fondamentali diventi una fake politica, dunque la gente se ne va”. Parole pesantissime, quelle di Paragone, che da tempo rimprovera al M5s il tradimento di patti, promesse e presupposti.

Video

 “Poi ognuno sceglie dove andare – riprende -. A me continuavate a dire che sarei passato alla Lega, vedete che sono sempre fermo nella mia posizione e anzi ho annunciato la nascita di un partito nuovo. Il governo? Si regge sulla voglia dei parlamentari di restare qui fino al termine della legislatura, è un istinto primordiale dell’uomo politico”, conclude Paragone.

Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

“Forse abbassiamo un po’ l’Iva”: Giuseppe Conte, ma chi ti crede più?

“Stiamo discutendo in questi giorni un po’ sull’Iva perché ritoccare l’Iva, abbassarla un po’ potrebbe dare una spinta alla ripresa dei consumi: è un fatto di fiducia. Questa l’ultima mezza promessa del premier, Giuseppe Conte, nel corso di un incontro agli Stati Generali con alcuni cittadini.

Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

“Salvini porta sfortuna”. De Luca oltre il ridicolo con l’ennesima sparata

Vincenzo De Luca attacca ancora Matteo Salvini: “Porta seccia e lavora a ritorno epidemia”. Queste le parole del governatore della Campania a margine della consegna del cantiere della stazione Di Vittorio della metropolitana di Napoli.

Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev