Un bel gesto di onestà e civiltà da parte di un giovane pakistano di 23 anni

da | Ago 19, 2020 | Nord | 0 commenti

CASALE. Il 15 agosto 2020 regala alla città un bel gesto di civiltà e onestà. Protagonista un ragazzo di 23 anni di origini pakistane che è emigrato in Italia alla ricerca di una vita migliore.
A raccontare quanto è successo è Giuseppe Giunta (in foto), da tutti conosciuto come Jose: “Il giorno di Ferragosto con amici e parenti abbiamo fatto una grigliata sul Sesia, poco prima delle 13 siamo rientrati in città per venire a prendere la mia fidanzata che lavora in un supermercato ad Oltreponte.

Mentre l’aspettavamo ci siamo seduti su una panchina della piazza e abbiamo atteso alcuni minuti. Siamo poi partiti per raggiungere gli altri per il pranzo. Ma arrivato sul lungo Sesia l’amara scoperta. Avevo dimenticato sulla panchina il mio zainetto con all’interno documenti, bancomat, occhiali da sole, cellulare e 150 euro in contanti. Siamo subito tornati ma lo zainetto non c’era più. Un ragazzo che era nella piazza ci ha precisato che lo aveva preso un giovane pakistano e che lo voleva portare subito in Commissariato.

Ci siamo diretti verso piazza Statuto e per ironia della sorte siamo stati fermati per un controllo da una pattuglia. Abbiamo spiegato cosa era successo e gli agenti hanno contattato la centrale operativa, ma del giovane non c’era traccia. Dopo pochi minuti ho provato a contattare il comando dei carabinieri e mi hanno detto che il ragazzo mentre si dirigeva in Polizia ha incontrato un’auto dell’Arma e con un cenno l’ha fermata spiegando cosa era successo. E’ così stato accompagnato al Comando dove ha lasciato lo zainetto, con tutto all’interno. E’ stato un gesto veramente profondo, segno che nelle persone conta quello che hanno nel cuore, e io per questo ha ringraziato il signore, sono molto religioso. Vorrei incontrarlo per fargli un regalo e dirgli che quel gesto ha un valore enorme per me, ma anche per la nostra comunità”.

Fonte: http://www.vitacasalese.it/

“Immigrati e coronavirus? Il governo punisce solo gli italiani”: l’affondo di Raffaele Fitto

Parla il candidato del centrodestra per la regione Puglia, Raffaele Fitto: “Quello che sta accadendo in queste ore in Puglia, nel totale silenzio delle istituzioni, Emiliano in testa, è pazzesco. Mentre aumentano i casi positivi al coronavirus e alcuni reparti ospedalieri vengono chiusi, al Cara di Bari, solo ieri sono arrivati quasi 400 immigrati.

Il tutto in piena estate, che per la Puglia significa Turismo e quindi la speranza di una possibile ripresa economica del settore, ma soprattutto accade mentre il Governo pensa di prorogare lo stato di emergenza, interviene per chiudere discoteche e locali là dove non vengono rispettate le norme di sicurezza anti-Covid e invita gli italiani a lavarsi le mani, indossare la mascherina e rispettare il distanziometro”, conclude polemico Raffaele Fitto

Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Diletta Leotta, bikini con le amiche in piscina: così in tv non la vedrete mai

Roba da bomber. Diletta Leotta è innegabilmente il volto-simbolo di DAZN nonché l’invata sui campi della Serie A più attesa e apprezzata dai telespettatori, nonché dai calciatori stessi (indimenticabile lo sguardo rapito dei componenti della panchina del Napoli durante un pre-partita, tutti gli occhi su di lei). Ma così, oggettivamente, in tv e negli stadi non la vedremo mai. La bella siciliana, star su Instagram grazie alle sue foto sempre ironiche e ammiccanti (così come i commenti che le inondano il profilo), ha pensato bene di condividere tra le sue stories qualche immagine della sua vacanza tra amiche.

Succede così che in un video la si veda folleggiare in piscina con le sue amiche, tutte in bikini e tutte splendide. Frizzi, lazzi e canzoni. cantate a squarciagola. Il campionato e le voci di rottura con il fidanzato, il pugile Daniele Scardina, in arte King Toretto , non sono mai state così lontane.

Fonte: Liberoquotidiano.it

“Omofobo e razzista”. Matteo Salvini insultato dal figlio di Selvaggia Lucarelli

Il figlio 15enne di Selvaggia Lucarelli ha contestato Matteo Salvini davanti al gazebo allestito dalla Lega a Milano. Il ragazzo è stato identificato dalle forze dell’ordine dopo il botta e risposta con il segretario del Carroccio. Quest’ultimo era intanto a scattare le foto con i suoi sostenitori quando il figlio della Lucarelli si è avvicinato e lo ha provocato così: “Volevo ringraziarla per il suo governo omofobo e razzista”. “Sì dai, anche un po’ fascista”, è stata la replica di Salvini che non è bastata al ragazzo. “Lei vuole il male delle persone che arrivano da altre nazioni”, ha aggiunto per concludere la sua personale contestazione. 

Fonte video: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Ultimo orrore, immigrato mangia un gatto in strada video

Immigrato cucina in strada un gatto, tutto ripreso da un passante, che hanno subito avvertito le forze dell’ordine.

Video

Fonte video https://www.facebook.com/sergiodirado/videos/10220520159946234/

Gianluigi Paragone contro il M5s: “Addio al Senato? Ormai sono una fake politica”

Aspargere sale sulle ferite del M5s ci pensa un ex, il senatore Gianluigi Paragone. Interpellato sulle recenti fuoriuscite dal partito con le cinque stelle, di cui una al Senato che pone il governo e la maggioranza sempre più a rischio, spiega senza giri di parole, con toni duri, che ciò che sta accadendo è figlio “di una confusione che io ho definito fake. Nel momento in cui tu come Movimento hai rinnegato le tue battaglie fondamentali diventi una fake politica, dunque la gente se ne va”. Parole pesantissime, quelle di Paragone, che da tempo rimprovera al M5s il tradimento di patti, promesse e presupposti.

Video

 “Poi ognuno sceglie dove andare – riprende -. A me continuavate a dire che sarei passato alla Lega, vedete che sono sempre fermo nella mia posizione e anzi ho annunciato la nascita di un partito nuovo. Il governo? Si regge sulla voglia dei parlamentari di restare qui fino al termine della legislatura, è un istinto primordiale dell’uomo politico”, conclude Paragone.

Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev